Latiano

Fratelli d'Italia contro le teorie di genere: «Ritirare i "libri gender" dalle scuole, sono diseducativi e destabilizzanti»

sabato 22 agosto 2015
Una crociata contro la diffusione delle cosiddette teorie gender nei programmi scolastici è stata intrapresa da Francesco Papadia, portavoce della sezione di Fratelli d'Italia di Latiano.

L'esponente politico di destra si è rivolto al sindaco di Latiano, Cosimo Maiorano, affinché intraprenda delle misure per evitare la deriva relativista che potrebbe invadere le scuole latianesi, prendendo spunto dal sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, che nella sua città ha fatto ritirare i libri incriminati creando una sorta di “indice” dei testi proibiti, classificati come “libri gender”.

«Egregio signor sindaco - scrive Papadia - costituzionalmente, l’indirizzo educativo dei bambini spetta ai genitori, di concerto con la scuola, ma non è prerogativa  delle istituzioni scolastiche imporre modelli educativi talmente dirompenti e destabilizzanti come quelli contenuti negli studi di genere recepiti dalla convenzione di Istanbul».

Per questo motivo FdI, a Latiano, ha preparato un volantino in distribuzione in tutte le case, nel quale si presentano tutti i pericoli nascosti tra le pagine dei “libri gender”. «Queste assurde teorie – si legge nella lettera ai latianesi - affermano che non esiste una differenza sessuale fra uomini e donne e ognuno deve scegliere liberamente il suo orientamento sessuale fra tante possibilità. Partendo dall’idea che uomini e donne sono uguali sotto ogni punto di vista, si teorizza che gli uomini diventano tali perché educati a esserlo e così anche le donne. Di fronte a questo scempio, il sindaco di Venezia ha già disposto il ritiro dalle scuole dei libri sulle teorie di genere sessuale in cui, fra l’altro, si parla di genitori dello stesso sesso. Chiediamo che il sindaco di Latiano adotti un analogo provvedimento e nel frattempo invitiamo i genitori a non firmare assolutamente il consenso informato proposto dalle scuole». La crociata di Papadia si conclude con una chiamata alle armi urbi et orbi ai suoi concittadini. «Diffondete quanto più potete questo messaggio».
Altri articoli di "Latiano"
Latiano
24/01/2020
I Carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni, a conclusione del servizio ...
Latiano
18/11/2019
I Carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni ...
Latiano
06/11/2019
LATIANO - Tenta di violentare la connazionale convivente e ...
Latiano
18/10/2019
LATIANO - Misura cautelare per detenzione ai fini di ...